mercoledì 2 settembre 2015

Tutto come da copione



Le partite di primo turno dell' ultimo slam stagionale stanno ormai giungendo al termine. Dopo lo shock dell' eliminazione di Kei Nishikori, finalista l' anno scorso a New York e attualmente numero 4 al mondo, tutto si è svolto come da copione.
Djokovic e Federer non hanno avuto alcun problema ad accedere al secondo turno: il numero 1 al mondo ha battuto il brasiliano Joao  Souza con un triplice 6-1 in un' ora e 11 minuti, l' elvetico ha invece concesso due game in più al suo avversario, Leo Mayer: la partita si è conclusa con un secco 6-1 6-2 6-2 in un' ora e 17 minuti; più che delle partite sono sembrati degli allenamenti agonistici.
Anche Wawrinka ha liquidato lo spagnolo Albert Ramos  in tre set, ma la sua partita è stata decisamente più complicata: il match è finito 7-5 6-4 7-6 (8-6).
Murray ha prevalso su Kyrgios 7-5 6-3 4-6 6-1. Nonostante la sconfitta Kyrgios ha divertito molto il pubblico con scene di ogni tipo: dal lancio della racchetta e colpi spettacolari agli immancabili litigi col pubblico. 
Nadal ha invece dovuto lottare, specialmente nella seconda metà del match, per battere Coric per 6-3 6-2 4-6 6-4 in 2 ore e 47 minuti. Per un' ora e mezza Rafa ha tenuto un gran ritmo, ma appena ha abbassato il ritmo ha subito il contraccolpo da un giocatore tutt' altro che fuori partita. E' infatti uscito il "vero" Nadal, cioè la versione sbiadita di questo 2015.; tanto è bastato comunque per accedere al secondo turno.