giovedì 2 giugno 2016

Ci Sono Le Semifinali!

Dopo giorni di pioggia incontrastabile, poche sorprese e tante polemiche, questa edizione del Roland Garros che, detta sinceramente, per ora non è stata eccezionale, ha prodotto le sue semifinali, ovvero Murray-Wawrinka e Djokovic-Thiem. Andiamo ad analizzare singolarmente ogni semifinalista.

Andy Murray: Per l'inglese che era reduce da un grande torneo a Roma, è stato un torneo altalenante. I primi 2 turni vinti al quinto set con brutte prestazioni dovute anche a un'influenza, la fatica iniziale a battere Gasquet ai quarti (match vinto in 4 set alla fine, ndr) e un gioco non brillantissimo hanno evidenziato molte difficoltà nel suo gioco, ma alla fine la semifinale è arrivata. La partita col campione in carica Wawrinka, tra 2 teste calde, non sarà facile e trovare un favorito non è facile, ma Murray, che finalmente ha scoperto che la terra rossa non è velenosa, ha le sue chance.

Stan Wawrinka: Il campione in carica ha rimesso la testa a posto per difendere i suoi 2000 punti, e non senza difficoltà, ha conquistato la semifinale. Aver affrontato Ramos ai quarti è stato, con tutto il rispetto per lo spagnolo, un colpo di fortuna che ha fatto risparmiare energie allo svizzero. La partita con Murray, che è molto determinato e in gran forma, non sarà facile per via dell'avversario, ma ormai sappiamo che il peggior nemico di Wawrinka è se stesso e quindi la partita dipenderà per la maggiore da lui.


Novak Djokovic: Attendono tutti il momento in cui alzerà la coppa e lui lo sente, tanto che oggi ha quasi aggredito un giudice di linea, e nonostante la sua solidità mentale, questo gli dà fastidio. Oggi è andato di fretta, sconfiggendo facilmente Berdych, perché sa che nonostante parta da favorito, la partita con Thiem sarà difficile e impegnativa. Il serbo ha il grande vantaggio di essere il più forte di tutti e l'ancor più grande svantaggio di avere tutto da perdere.

Dominic Thiem: La vera e unica sorpresa del torneo è lui, l'austriaco ventiduenne con la testa di serie numero 15 è arrivato in semifinale ed è entrato in TopTen per la prima volta. Un tabellone fortunato, dovuto anche e soprattutto al ritiro di Nadal, ha aiutato il suo cammino, ma la partita di oggi con Goffin ha dimostrato che i suoi meriti non vanno tolti. Un torneo molto importante che gli darà slancio per il futuro e la partita con Djokovic, che gioca senza peso, potrà godersela tutta.
FifteenLove