domenica 13 agosto 2017

La (mezza)consacrazione di Zverev

Alex Zverev vince l'open del Canada battendo in finale Roger Federer con il punteggio di 63 64. La NextGen batte un Fab4 in modo convincente, tenendo il pallino del gioco sempre in mano contro un Federer poco lucido e probabilmente con qualche problema fisico. Proprio per questo aspetto ci sentiamo di prendere con le pinze questa vittoria del tedesco che è stata comunque meritata anche e soprattutto per l'atteggiamento in campo.
Con nessun senso di inferiorità nei confronti dello svizzero, Zverev ha sin dal primo punto tirato forte e cercato di fare gioco, tra l'altro spesso riuscendoci.

Federer ha dato segnali di fatica soprattutto al servizio sia per la percentuale di prime molto bassa che per la velocità poco elevata. Dopo questa partita la sua presenza a Cincinnati, nonostante sia uno dei tornei preferiti di Roger, è molto dubbia, soprattutto in vista dell'ormai non troppo lontano US Open.

Proprio in vista dello US Open è a questo punto importante il verdetto di questo torneo che, dal mio punto di vista, mette Zverev tra i favoriti per lo slam americano. Infatti, considerate le assenze di Djokovic e Wawrinka, l'incognita di Murray e a questo punto anche di Federer, il tedesco potrebbe approfittarsi della situazione per provare il colpaccio. Ovviamente Nadal non si metterà da parte e Federer e Murray sono ancora da valutare, ma questo US Open sarà sicuramente lo slam col pronostico più difficile da azzeccare degli ultimi anni e questa può essere solo che una bella notizia.
FifteenLove